Clicca sull'immagine per ingrandire. Contattaci per qualsiasi imprecisione

Opera 11-2017

Sezione: Tradizionale

Nella bottega del fornaio

La scena rappresenta lo spaccato di un paese ricco e produttivo, dove ognuno espone quanto di meglio può offrire. Ma i passanti, ormai sazi dell’abbondanza, sono attratti dall’evento più semplice e insieme più straordinario: il Verbo che si incarna.

Pozzan Patrizia

Lonigo (VI)

Opera 12-2017

Sezione: Tradizionale

Con un tocco di originalità

Presepio tradizionale, con una discreta nota di originalità data dall’elemento metallico sul retro della composizione.

Zuccato Goretta

Verona

Opera 13-2017

Sezione: Artistico

Natività in pietra di Vicenza

Lo scultore si ispira all’arte popolare della Lessinia. Rimarchevole il senso di popolaresca devozione che comunicano i tre sacri personaggi nella loro ieratica e affabile staticità. In pietra di Vicenza.

Baù Pino

San Bonifacio (VR)

Opera 14-2017

Sezione: Artistico

A Mantova, in Vicolo Bonacolsi

Nell’atmosfera rievocativa dell’epoca, i Duchi di Mantova in costumi seicenteschi rendono omaggio al neonato Bambino Gesù.

Benlodi Loris

Porto Mantovano (MN)

Opera 15-2017

Sezione: Artistico

Il cuore d'oro

Buia è la notte, rischiarata da stelle luminose. Il paesaggio invernale è costellato di palle di neve dorate. Giuseppe, Maria e Gesù, contornati dagli angeli, spiccano, stilizzati, sul fondo scuro con la loro lucida cromatura. Fulcro di tutta la composizione è il cuore dorato che fa da culla al Bambino. In Ceramica.

Cunegatti Antonella

Sona (VR)

Opera 16-2017

Sezione: Artistico

Nato per noi

Essenziale rappresentazione del presepio, con Gesù in stretta comunione con Maria e sotto lo sguardo di Giuseppe. L’espressione gioiosa del Bambino contrasta con gli sguardi pensierosi dei Genitori, presaghi degli eventi a venire.

Diana Anita

Cremona

Opera 17-2017

Sezione: Artistico

Il dono e l'accoglienza

La Mano Divina ci fa il dono del Suo unico Figlio. Giuseppe Lo accoglie, insieme con Maria. La scena intima e minimalista della quotidianità familiare dei tre sacri personaggi dialoga con la possente presenza del Divino.

Fenili Simone

Pedrengo (BG)


1^ Premio

Motivazione: Realizzata in terracotta, la Mano di Dio accoglie nel suo palmo e sorregge con le dita la scena con Giuseppe e Maria vestiti in modo attuale. Il bambino sorride ed un gattino e un’oca ai piedi dei personaggi danno un tocco agreste molto realistico.

Opera 18-2017

Sezione: Artistico

Natività tra le macerie

Dalla pietra della Maiella emerge un paesaggio immaginario. In esso si accostano alcuni dei monumenti simbolo degli ultimi terribili terremoti che hanno ferito il Centro Italia. Si riconosce il Palazzo del Governo della città di L’Aquila, distrutto dal sisma del 2009; la Torre civica di Amatrice, rimasta integra dopo le prime scosse dell’agosto 2016 e successivamente crollata; e la facciata della basilica di San Benedetto, a Norcia, orribilmente danneggiata dall’evento dell’ottobre 2016. In questo scenario surreale, l’artista ha inserito la Natività che, racchiusa in una grotta, diventa il simbolo della speranza.

Mostacci Diego

Raiano (L'Aquila)


3^ Premio

Motivazione: Un ricordo dei tremendi terremoti che hanno colpito l’Italia centrale in questo presepe dove è riconoscibile il Palazzo del Governo de L’Aquila distrutto nel 2009, la Torre Civica di Amatrice, dapprima rimasta illesa e poi crollata, la facciata della Basilica di San Benedetto da Norcia molto danneggiata dal sisma nel 2016. Un insieme di dolorosi eventi che possono essere consolati e far credere nella speranza dalla gioiosa Natività riparata dentro ad una grotta.

Opera 19-2017

Sezione: Artistico

Natività lignea

Da vecchi tronchi di legno di acacia rinasce il Natale in figure stilizzate.

Negrini Sergio

San Martino Buon Albergo (VR)

Opera 20-2017

Sezione: Artistico

Fuochi di gioia

Un’esplosione di colori e di forme in libertà per festeggiare la gioia del Natale.

Orsato Loria

Valdagno (VI)